Malocclusione dentale: in cosa consiste questo difetto della dentatura?

La malocclusione dentale è un difetto della dentatura piuttosto comune. In cosa consiste? Come si contrasta?


Che cosa si intende esattamente per malocclusione dentale? Questo particolare difetto della dentatura è discretamente diffuso, cerchiamo dunque di capire in cosa consiste esattamente, ed in che modo è possibile fronteggiarlo.

La malocclusione dentale è, esattamente, un difetto di allineamento tra l'arcata inferiore e quella superiore, può accadere dunque che l'arcata superiore sia eccessivamente sporgente, o al contrario che l'arcata inferiore sia prominente rispetto a quella superiore.

Ovviamente, la malocclusione può essere più o meno evidente: alcuni casi sono davvero molto lievi e non causano particolari problematiche alla persona che ne è interessata, altri invece sono piuttosto importanti e possono alterare perfino le fattezze del volto.

In tal caso, ovviamente, la malocclusione può certamente essere fonte di fastidio e di disturbi localizzati, nonchè anche di grande imbarazzo su piano prettamente estetico, per tale ragione, quindi, è assolutamente opportuno riuscire ad intervenire in modo mirato rivolgendosi ad un professionista che possa suggerire ed attuare una tecnica ad hoc per il singolo paziente, affinchè possa recuperare una struttura dentale perfetta.

Le cause della malocclusione dentale possono essere davvero molteplici, ed è importante individuarle in modo celere, mirato, per procedere con il trattamento più adatto.

La componente ereditaria ha sicuramente una grande influenza, ma questo difetto può generarsi anche nel caso in cui, soprattutto in età infantile, si abbiano delle particolari abitudini di movimento delle ossa mascellari, come ad esempio il bruxismo; per quanto riguarda invece le malocclusioni dentali che tendono a manifestarsi in età adulta, le cause principali sono individuabili prevalentemente nella perdita di uno o più denti, nella presenza di denti scheggiati o rovinati non curati, oppure tumori ed artriti.

Riuscire a capire quali siano stati i fattori che hanno generato questo tipo di problematica strutturale della dentatura è fondamentale, per il professionista, per scegliere il trattamento più adatto, e soprattutto per fare in modo che il paziente eviti di compiere eventuali movimenti del volto che, a lungo andare, ne hanno alterato la forma.

Oltre al difetto estetico, sicuramente evidente nei casi più accentuati, la malocclusione dentale può causare disturbi di vario tipo, come ad esempio difficoltà nella masticazione, artrosi cervicale, mal di schiena, vertigini, o perfino difficoltà respiratorie.

In che modo si può fronteggiare, dunque, una malocclusione dentale?

Le possibilità sono differenti, proprio perchè, come detto, diverse sono le cause che possono generare questo indesiderato difetto strutturale della dentatura.

Premesso che nei casi più lievi si può tranquillamente evitare di intervenire, dato che la masticazione non viene alterata ed anche a livello estetico il difetto è impercettibile, nei casi di malocclusione dentale più importanti si interviene in genere con specifici interventi di ortodonzia, applicazione di un apparecchio dentale correttivi, piccoli interventi chirurgici, oppure semplicemente correggendo reiterate abitudini di movimento della dentatura deleterie da questo punto di vista.

Ovviamente, sia la diagnosi che l'individuazione della cura più opportuna sono compiti che spettano al professionista, il quale dovrà vautare con molta attenzione diversi parametri; come detto in precedenza, la malocclusione è davvero una problematica che può avere le origini più svariate, di conseguenza è sicuramente positivo evitare di proporre al paziente delle soluzioni "a scatola chiusa", senza aver valutato con la dovuta attenzione le caratteristiche del singolo caso e, soprattutto, anche le peculiarità che hanno fatto in modo che, nel singolo soggetto, si andasse a verificare questo tipo di situazione a livello di struttura dei denti.

In linea generale, comunque, si può certamente affermare che per mezzo di interventi mirati la malocclusione dentale può essere eliminata o attenuata con ottime possibilità di successo, anche alla luce dei più moderni progressi che hanno caratterizzato il mondo della dentistica.

Da questo punto di vista, dunque, c'è da stare tranquilli: le malocclusioni dentali, anche nel caso in cui si rivelino particolarmente acute e vistose, possono oggi essere fronteggiate con ottime probabilità di successo, e sono davvero pochissimi i casi in cui l'intervento di un professionista del settore riesce ad assicurare, al paziente, un risultato esclusivamente parziale. 

comments powered by Disqus

Iscriviti alla Newsletter

Email

Top news

Le più diffuse tariffe dei dentisti in Italia

Le più diffuse tariffe dei dentisti in Italia Le tariffe dei dentisti in Italia sono piuttosto uniformi su tutto il territorio nazionale, anche se si può certamente usufruire di offerte... Leggi tutto

Le capsule dentali ed i loro costi

Le capsule dentali ed i loro costi Il termine capsule dentali è in genere utilizzato, nell'ambito della dentistica, in due modi differenti: per intendere gli elementi in ceramica o... Leggi tutto

Ponte dentale o impianto dentale? Differenza di costo

Ponte dentale o impianto dentale? Differenza di costo Realizzare un ponte dentale o un impianto dentale? Moltissime persone che hanno la necessità di rimpiazzare uno o più denti mancanti si chiedono... Leggi tutto