Ponte dentale: da cosa si caratterizza questa struttura? In quali casi è indicata?

Il ponte dentale è una soluzione molto interessante per recuperare una dentatura impeccabile: ecco quali sono le sue peculiarità


Il ponte dentale è una soluzione di grande qualità per recuperare una dentatura funzionale, efficace ed esteticamente piacevole, la quale si rivela particolarmente indicata nel caso in cui si debba porre rimedio ad un numero ristretto di denti danneggiati posizionati in modo affiancato; allo stesso modo inoltre, il ponte dentale è la tecnica più adatta nel caso in cui uno o due denti, tra loro affiancati, siano del tutto assenti. Di che cosa si tratta esattamente?

Il ponte dentale è una struttura unica, la quale corrisponde appunto ad almeno 3 denti artificiali uniti tra loro.

La particolarità del ponte dentale è quella di non essere integrato con l'osso di supporto, come nel caso degli impianti dentali, al contrario la struttura si regge esclusivamente sui denti laterali, che prendono il nome tecnico di "denti pilastro". 

Se i denti pilastro sono danneggiati, dunque, non è affatto un problema: la loro funzione, infatti, sarà esclusivamente quella di sorreggere il ponte dentale realizzato, tramite cui si sostituiranno in modo impeccabile anche tutti i denti che dovrebbero essere situati, appunto, tra un dente pilastro e l'altro, siano essi danneggiati o anche del tutto assenti.

E' frequente, peraltro, che i denti pilastro siano opportunamente modellati da parte del professionista prima di procedere con il l'applicazione del ponte dentale; se questi denti sono rovinati, scheggiati o consumati, dunque, non sussiste nessun problema nella realizzazione dell'intervento.

La grande qualità di questo tipo di soluzione è strettamente correlata al fatto di non essere affatto invasiva: il ponte, infatti, si sorregge direttamente sui denti pilastro, e non è affatto necessario creare strutture osteointegrate o eseguire interventi di natura più complessa.

Ovviamente, il ponte dentale deve essere realizzato ad hoc per il singolo paziente, e deve essere creato con una precisione assoluta affinchè il risultato possa rivelarsi realmente di qualità; per tale ragione è sicuramente molto importante affidarsi ad un professionista esperto in questo tipo di realizzazioni.

Nell'ambito della realizzazione di ponti dentali si sono effettuati negli ultimi tempi dei progressi realmente molto importanti, legati non solo alla tecnica ed alla precisione di realizzazione, ma anche all'impiego di materiali di grande affidabilità, quali lo zirconio.

Lo zirconio è da considerarsi certamente una prima scelta per quanto riguarda la creazione di ponti dentali, dal momento che presenta delle caratteristiche pressochè identiche a quelle del dente naturale: resistente, forte e robusto, consente una masticazione impeccabile ed allo stesso tempo vanta una tonalità di colore sorprendentemente simile rispetto a quella di un dente vero.

Laddove si parla di ponte dentale, in genere, si fa riferimento al ponte dentale fisso, ovvero ad una struttura che va a saldarsi ai denti pilastro in maniera definitiva; se pur rare, tuttavia, esistono anche delle versioni di ponte dentale removibile

E' utile sottolineare, laddove si parli di ponte dentale, che questo tipo di soluzione è ben distinta rispetto alla realizzazione di un impianto dentale; fare questa precisazione è sicuramente importante dal momento che le due cose sono spesso confuse

Se le caratteristiche del ponte dentale sono quelle a cui abbiamo appena fatto riferimento, quelle dell'impianto dentale sono completamente differenti. Nell'impianto dentale, infatti, si va a creare un vero e proprio impianto osteointegrato, quindi integrato direttamente con l'osso di sostegno, sul quale in seguito vengono applicate le corone dentali che vanno quindi a sostituire, dal punto di vista fisico, i denti mancanti o danneggiati.

L'impianto dentale è dunque una struttura fissa che diviene, di fatto, parte integrante dell'organismo; da questo punto di vista è certamente utile menzionare il grande ruolo che ha ricoperto, per questo genere di realizzazioni, il titanio.

Il titanio, nonappena è stato introdotto per la realizzazione di impianti dentali, è riuscito infatti a garantire risultati eccellenti, soprattutto perchè si è finalmente riusciti a scongiurare gli indesiderati rigetti fisiologici da parte dell'organismo che, storicamente, hanno sempre rappresentato il limite più grande dell'impantologia.

Il già citato zirconio, inoltre, trova larghi impieghi anche nel mondo degli impianti dentali: con questo materiale così efficiente ed esteticamente piacevole, in quanto molto somigliante ai denti reali, sono infatti realizzate anche le corone dentali associate all'impianto. Sia nell'implantologia che nella realizzazione di ponti dentali, dunque, lo zirconio si rivela un materiale eccellente.



comments powered by Disqus

Iscriviti alla Newsletter

Email

Top news

Le più diffuse tariffe dei dentisti in Italia

Le più diffuse tariffe dei dentisti in Italia Le tariffe dei dentisti in Italia sono piuttosto uniformi su tutto il territorio nazionale, anche se si può certamente usufruire di offerte... Leggi tutto

Le capsule dentali ed i loro costi

Le capsule dentali ed i loro costi Il termine capsule dentali è in genere utilizzato, nell'ambito della dentistica, in due modi differenti: per intendere gli elementi in ceramica o... Leggi tutto

Ponte dentale o impianto dentale? Differenza di costo

Ponte dentale o impianto dentale? Differenza di costo Realizzare un ponte dentale o un impianto dentale? Moltissime persone che hanno la necessità di rimpiazzare uno o più denti mancanti si chiedono... Leggi tutto