Ponte dentale fisso: che cos'è?

Che cosa è il ponte dentale fisso?


Il ponte dentale fisso è una struttura odontoiatrica molto utilizzata per restituire a pazienti parzialmente edentuli, o comunque dalla dentatura particolarmente compromessa, dei denti esteticamente impeccabili e soprattutto efficienti. Vediamo dunque quali sono le sue caratteristiche.


Il ponte dentale, anche noto come ponte dentario, è una struttura realizzata artificialmente rigorosamente su misura, per soddisfare al meglio le esigenze del singolo cliente.


Questo tipo di struttura è la soluzione ideale nel caso in cui il paziente abbia un dente mancante ed i due denti laterali allo spazio vuoto piuttosto compromessi, vediamo perchè.


Il ponte dentale è una struttura composta da almeno 3 denti artificiali, rigorosamente uniti tra loro, la quale viene saldata alla dentatura naturale proprio grazie ai denti naturali laterali, che fungono da veri e propri denti pilastro.


Per questo motivo, dunque, i denti pilastro possono essere anche danneggiati: sarà compito del professionista, infatti, ricoprire questi denti con un ponte dentario e risolvere in maniera brillante questo problema di dentatura. Non di rado, anzi, prima di applicare questa struttura il dentista provvede a modellare i denti pilastro in modo da far aderire il ponte in maniera ancor più efficace.


Il dente artificiale che sostituisce il dente naturale mancante, dunque, non viene integrato all'osso attraverso la gengiva, ma è semplicemente un corpo unico con i denti laterali, che a loro volta sono perfettamente saldati alla dentatura naturale.


Il ponte dentale fisso, come suggerisce lo stesso nome, è una struttura che una volta applicata non può essere rimossa, se non con appositi interventi di natura odontoiatrica; l'alternativa è un ponte dentale rimovibile, che può agevolmente essere spostato o riapplicato dallo stesso paziente che lo adopera.


Un buon ponte dentale fisso deve essere in grado di sostituire in maniera impeccabile i denti naturali mancanti e compromessi sia sul piano estetico che su quello dell'efficienza: l'igiene orale va curato nello stesso modo con cui si curano i denti naturali, e sul piano visivo dev'essere impossibile percepire la differenza tra una dentatura artificiale di questo tipo e una dentatura naturale.


Una distinzione che è sicuramente opportuno fare, dal momento che si tende, oggi, a fare una gran confuzione tra i vari tipi di interventi dentistici cui è possibile sottoporsi, è sicuramente quella tra ponte dentale ed impianto dentale.


Le caratteristiche del ponte dentale le abbiamo appena viste, e sono sicuramente ben diverse rispetto a quelle dell'impianto dentale. L'impianto dentale, infatti, è un vero e proprio impianto che attraverso appositi processi dentistici viene integrato direttamente con l'osso di sostegno, sul quale vengono avvitati dei piccoli elementi che sostituiscono, fisicamente, i denti mancanti


L'impianto dentale dunque non è assolutamente una struttura mobile, come può essere ad esempio la più classica dentiera, al contrario si tratta di un qualcosa che va a integrarsi con l'osso di sostegno e che quindi sarà, per tutta la vita, parte integrante dell'organismo.


Non vi sono davvero dubbi sul fatto che l'impianto dentale abbia rappresentato una vera e propria svolta nel mondo della dentistica, soprattutto per quanto riguarda quei soggetti che, loro malgrado, convivono con delle problematiche dentali piuttosto importanti, come ad esempio dei denti particolarmente danneggiati oppure del tutto assenti.


Nello svilupparsi dell'implantologia dentale ha avuto un ruolo di grande rilievo il titanio, un materiale che si è rivelato davvero straordinario per questo genere di utilizzi essendo in grado di scongiurare, in modo assolutamente ottimale, il rischio che possano verificarsi dei rigetti immunitari da parte dell'organismo, problema che ha caratterizzato l'impiantologia per divesi secoli.


Per quanto riguarda le corone dentali, quindi i piccoli denti artificiali che sono associati all'impianto di sostegno, il materiale più adatto si rivela certamente lo zirconio. Lo zirconio è un materiale perfetto per questo tipo di realizzazioni essendo molto forte, resistente, e soprattutto garantendo la possibilità di masticare e mordere anche cibi molto duri.


Oltre a queste pregevoli caratteristiche, lo zirconio è straordinariamente simile ai denti naturali anche dal punto di vista estetico, ragion per cui è da considerarsi uno dei materiali di eccellenza sia per quanto riguarda la realizzazione di un ponte dentale fisso, che per la realizzazione di corone dentali da associare all'impianto precedentemente realizzato.








comments powered by Disqus

Iscriviti alla Newsletter

Email

Top news

Le più diffuse tariffe dei dentisti in Italia

Le più diffuse tariffe dei dentisti in Italia Le tariffe dei dentisti in Italia sono piuttosto uniformi su tutto il territorio nazionale, anche se si può certamente usufruire di offerte... Leggi tutto

Le capsule dentali ed i loro costi

Le capsule dentali ed i loro costi Il termine capsule dentali è in genere utilizzato, nell'ambito della dentistica, in due modi differenti: per intendere gli elementi in ceramica o... Leggi tutto

Ponte dentale o impianto dentale? Differenza di costo

Ponte dentale o impianto dentale? Differenza di costo Realizzare un ponte dentale o un impianto dentale? Moltissime persone che hanno la necessità di rimpiazzare uno o più denti mancanti si chiedono... Leggi tutto