Tipologie di protesi dentarie: fisse e mobili

In sostituzione dei denti mancanti o danneggiati è possibile applicare due tipi di protesi: quelle fisse e quelle mobili


Le tipologie di protesi dentarie sono sostanzialmente due: protesi fisse e protesi mobili, ma ancor prima di soffermarci sulle differenze è utile sottolineare in che cosa consistono queste strutture.


Le protesi dentarie sono dei manufatti che consentono ad un soggetto edentulo, o comunque con una dentatura notevolmente danneggiata, dunque inefficace, di recuperare dei denti perfettamente funzionali ed anche gradevoli dal punto di vista estetico, offrendo anche la possibilità di curare l'igiene orale in maniera efficace. 


Per i pazienti edentuli, ci si dovrà semplicemente preoccupare di inserire la protesi nella maniera più corretta, per chi ha una dentatura rovinata, invece, si dovrà prima procedere con l’estrazione dei denti rovinati, un'operazione che non comporta, comunque, particolari problemi.


Una distinzione molto importante, che deve assolutamente essere fatta per far comprendere in modo preciso cosa sono le protesi dentarie, è certamente quella tra protesi dentarie ed impianti dentali.


Come detto, le protesi dentarie sono delle strutture ideate ad hoc per il singolo paziente le quali vengono applicate direttamente sulla gengiva, facendole così divenire delle vere e proprie dentature in grado di sostituirsi ai denti naturali mancanti.


Il discorso relativo all'implantologia, invece, è differente. Nell'implantologia, infatti, si realizza un vero e proprio impianto osteointegrato, dunque una struttura che viene integrata direttamente con l'osso, ovvero con la parte interna della gengiva, sulla quale vengono in seguito applicati i denti artificiali, cioè quelle che sono tecnicamente definite come "corone dentali".


L'impianto dentale, quindi, è un elemento che va di fatto a sostituirsi, in maniera definitiva, alla dentatura, un qualcosa che si fonde direttamente con l'osso di sostegno e che quindi diviene una parte integrante dell'organismo del paziente.


Sul piano strutturale, dunque, le differenze sono importanti. Difficile stabilire quale delle due soluzioni sia la più qualitativa, sicuramente un'attenta visita da parte di un professionista, il quale possa valutare con attenzione tutte le peculiarità del singolo paziente e la condizione delle gengive e della dentatura, gli consentirà di indirizzare il paziente verso l'intervento più adatto alle sue necessità


Sia le protesi dentarie, siano esse fisse o mobili, che gli impianti dentali, sono quindi degli elementi realizzati dagli odontotetnici rigorosamente ad hoc per ogni singolo paziente, ed entrambi richiedono un livello di precisione e di accortezza davvero massimo, non solo sul piano prettamente strutturale, ma anche nella scelta dei materiali impiegati.


Per quanto riguarda le protesi, quindi, è importantissimo non solo che la stessa sia realizzata con la massima precisione, tale da consentire alla persona di muovere liberamente la mascella e di non avere alcun problema dal punto di vista della fonetica, ma anche che siano scelti dei materiali compatibili con l’organismo; in caso contrario non tarderebbero a verificarsi dei fisiologici rigetti di tipo immunitario che renderebbero pressochè vano tutto il lavoro compiuto.


Quanto alle tipologie di protesi dentarie, quelle fisse sono appunto delle strutture che andranno a sostituire in maniera definitiva i denti mancanti o danneggiati, quelle mobili, al contrario, potranno essere rimosse agevolmente ogni volta che lo si desidera, ad esempio la notte prima di andare a dormire.


Tra queste, è possibile distinguere le protesi parziali da quelle totali: le prime sono applicate sulla dentatura utilizzando come ancoraggio dei denti rimanenti, mentre quelle totali sono quelle applicate su pazienti completamente edentuli, dunque vanno ancorate sull’osso sottostante.


E’ fondamentale che le protesi, tanto quelle fisse quanto quelle mobili, siano progettate con la massima precisione sulla base delle caratteristiche del singolo paziente; ogni minima imperfezione può infatti causare dei grossi problemi; negli ultimi anni ha fatto grandi progressi la progettazione informatica di entrambe le tipologie di protesi dentarie tramite appositi strumenti digitali.


L'odierna precisione delle protesi dentali, sia fisse che mobili, è massima, e lo stesso discorso è valido per quanto riguarda gli impianti dentali: alla luce di questo, dunque, si può certamente affermare che chi necessita di interventi di simile complessità per recuperare una nuova ed efficiente dentatura, può affidarsi serenamente alle mani esperte dei professionisti. 

comments powered by Disqus

Iscriviti alla Newsletter

Email

Top news

Le protesi dentarie possono essere mutuabili?

Le protesi dentarie possono essere mutuabili? Le protesi dentarie possono essere mutuabili ? Sono tantissime le persone che si pongono questa domanda, e scelgono lo studio dentistico al quale... Leggi tutto

Come eseguire la pulizia delle protesi dentarie

Come eseguire la pulizia delle protesi dentarie La pulizia delle protesi dentarie è un aspetto di grande importanza per il corretto mantenimento di questi elementi artificiali, senza considerare... Leggi tutto

Adesivi per dentiere: come utilizzarli?

Adesivi per dentiere: come utilizzarli? Gli adesivi per dentiere servono alle persone che utilizzano una protesi dentaria e sentono spesso l'esigenza di mantenerla perfettamente aderente... Leggi tutto